Maurizio Nava
Fotografo e docente

Incuriosito fin da piccolo dalla fotografia, ho deciso ben presto che non avrei potuto fare altro nella vita.

Il mio percorso professionale è iniziato negli anni Ottanta. Le mie origini monzesi mi hanno spinto prima verso il mondo dei motori, dal motociclismo alla Formula 1.

Successivamente mi sono affermato nel settore pubblicitario e in ambito still life, aprendo il mio primo studio: una sala di posa di ben 200 metri quadrati, dove fotografare oggetti di qualsiasi dimensione.

Il passo successivo si è concretizzato grazie alla mia passione per i viaggi. Ho avviato infatti un progetto di fotografia aerea, che mi ha permesso di visitare e riprendere moltissimi luoghi straordinari. Ho accumulato circa 1.000 ore di volo in elicottero e 500.000 immagini, collaborando con diversi tour operator e strutture alberghiere internazionali.

Dopo 10 anni appaganti ma anche impegnativi, ho scelto un’ulteriore svolta: fotografare le persone. Ho iniziato collaborando con una delle maggiori agenzie di modelle di Milano, ma la moda non mi ha mai conquistato. Preferisco fotografare emozioni.

Mi sono quindi appassionato alla fotografia di matrimonio e ho fondato il marchio Weddingphoto, con il quale ho già realizzato oltre 500 reportage di nozze, regalandomi tuttora grandi soddisfazioni.

Infine, l’ultimo stimolo nella mia carriera di fotografo è l’insegnamento. Voglio condividere la mia grande esperienza, cercando di sfatare il mito per cui “chi sa fare, lavora e chi non sa fare, insegna”.

Credo che la professionalità sia una conquista, da raggiungere attraverso più fattori: la passione è la base, ma servono imprenditorialità, investimenti, preparazione, perseveranza e anche umiltà, per avere la spinta a migliorarsi e mettersi alla prova. Questo mantra guida infatti tutta la mia vita professionale, ispirando qualsiasi attività realizzata.

Mi ritengo privilegiato, perché nel corso degli anni ho collezionato tantissime esperienze, crescendo sotto il profilo sia professionale sia personale. È stato un percorso faticoso, che mi è costato impegno e dedizione, ma sono sempre più convinto ne sia valsa la pena.